(didattica -> corsi di laurea conclusi -> Ingegneria Gestionale delle Reti di Servizi)

A partire dall'anno accademico 2009 / 2010, il Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale delle Reti di Servizi è stato trasformato, ai sensi del D.P.M. 22 Ottobre 2004 n°270, nel Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale (percorso area dell'informazione).

La facoltà assicura, comunque, agli studenti già iscritti, di concludere gli studi conseguendo il relativo titolo. Per cui nell'a. a. 2009 / 2010 saranno regolarmente impartiti gli insegnamenti relativi al 2° e 3° anno del corso di laurea in Ingegneria Gestionale delle Reti di Servizi mentre nell'a. a. 2010 / 2011, saranno organizzati i soli insegnamenti del 3° anno di tale Corso.

Gli studenti laureati in Ingegneria Gestionale delle Reti di Servizi potranno iscriversi, senza alcun debito formativo, al corso di laurea magistrale in "Ingegneria per la gestione dell'energia e delle ICT per i trasporti", che prevede due diversi percorsi formativi, uno per l'area industriale ed uno per l'area dell'informazione.

Il Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale delle Reti di Servizi, si pone l’obiettivo di formare una figura professionale in grado di operare nel settore della gestione delle reti di telecomunicazioni e informatiche, in quello della gestione per le reti di servizio dei principali vettori energetici (quali rete elettrica, gas naturale) e delle risorse idriche e infine nelle reti di trasporto (terrestre, marittimo e aereo). In tutti questi casi, pur nelle notevoli differenze, si può individuare una metodologia comune d’impostazione fisica e di modellizzazione matematica, il che permette di integrare in un unico corso, sviluppato secondo diversi orientamenti, la preparazione dell’allievo.

L’Ingegnere gestionale tratta gli aspetti progettuali ed implementativi dei sistemi informativi aziendali, nonché i risvolti organizzativi e gestionali del trattamento delle informazioni in aziende industriali e di servizi ed in enti pubblici. In particolare, l’Ingegnere Gestionale delle Reti di Telecomunicazione può trovare impiego nell’ambito della progettazione assistita, della produzione, della gestione ed organizzazione dei sistemi informativi, dell’assistenza, delle strutture tecnico-commerciali, nel project management ed il controllo di gestione, nell’analisi dei settori industriali delle ICT, per la valutazione degli investimenti, per il marketing industriale. L’Ingegnere Gestionale delle Reti di Energia e Risorse è di sicuro interesse nei confronti delle aziende che gestiscono le principali reti di trasporto energetiche e di fluidi in pressione. Questa figura professionale è suscettibile d’inserimento nelle nascenti aziende che operano nel settore energetico, ed è formato a gestire le reti di trasporto minori delle singole industrie. L’Ingegnere Gestionale delle Reti Logistiche e di Trasporti può trovare i propri sbocchi occupazionali tanto presso aziende che operano nei servizi logistici e di trasporto, nel settore manifatturiero, in quello delle aziende di servizi, nel campo delle professioni e della consulenza, nel settore pubblico.

Obiettivi formativi specifici

Il Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale presso la sede distaccata di Afragola, denominato "Ingegneria Gestionale delle Reti di Servizi", si pone l'obiettivo di formare una figura professionale in grado di operare, in particolare, nel settore della gestione delle reti di telecomunicazioni e informatiche, in quello della gestione delle reti di servizi dei principali vettori energetici (quali rete elettrica, gas naturale) e delle risorse idriche e infine nelle reti di trasporto (terrestre, marittimo e aereo).

In tutti questi casi, pur nelle notevoli differenze, si può individuare una metodologia comune d'impostazione fisica e di modellizzazione matematica, il che permette di integrare in un unico corso, sviluppato secondo diversi orientamenti, la preparazione dell'allievo.

Il corso impartisce una formazione di base che integra:

  1. le conoscenze fisico-matematiche comuni alle lauree in Ingegneria;
  2. i contenuti fondamentali delle discipline che qualificano il settore dell'Informazione (Informatica, Elettrotecnica, Automatica, Elettronica, Telecomunicazioni);
  3. le problematiche d'analisi economica e organizzativa e delle tecniche decisionali.

Su questa base sono sviluppate competenze distinte sulle metodologie e gli strumenti di intervento nella gestione dei sistemi complessi quali le reti.

Sono stati individuati tre orientamenti:

  1. Il percorso formativo dell'orientamento in Reti di Telecomunicazioni (TLC) permette all'allievo di comprendere l'interazione degli aspetti tecnologici, progettuali, economici, organizzativi e gestionali nel settore dell'Ingegneria dell'Informazione acquisendo, in particolare, la capacità di:
    • analizzare sotto l'aspetto organizzativo e logistico le specifiche di funzionamento dei sistema informativi di impresa;
    • valutare gli investimenti dell'impresa e la dimensione economico-gestionale della riorganizzazione dei processi aziendali;
    • selezionare i sistemi informativi più adeguati alle necessità aziendali;
    • sviluppare strumenti informatici e telematici di supporto alla operatività di impresa;
    • gestire progetti innovativi intervenendo nella configurazione dei sistemi informativi integrati;
    • utilizzare gli strumenti quantitativi della simulazione e della ottimizzazione per proporre scelte efficienti di progettazione, pianificazione e gestione dei singoli processi, tanto in generale quanto in riferimento all'interazione tra scelte gestionali e scelte tecnologiche.
  2. Il percorso formativo dell'orientamento in Reti di Energia e Risorse (ER) permette all'allievo di:
    • conoscere i principali componenti delle reti di trasporto dei vettori energetici quali il gas naturale e l'energia elettrica;
    • conoscere i principali componenti e il funzionamento delle reti idriche;
    • analizzare i flussi d'informazione del sistema di monitoraggio e di controllo;
    • progettare le opportune strategie per la gestione tecnico-economica della rete;
    • possedere adeguate informazioni sulla manutenzione della rete, sulla gestione dei materiali e sulla sicurezza.
  3. Il percorso formativo dell'orientamento in Reti Logistiche e di Trasporti (LT) permette all’allievo di acquisire conoscenze sulle caratteristiche costitutive e sulle problematiche gestionali ed organizzative delle reti logistiche e di trasporto la cui efficienza è alla base della competitività dei processi di acquisizione, produzione e distribuzione, tanto delle singole aziende quanto del sistema paese. In particolare tale percorso permette allo studente di:
    • conoscere i caratteri delle singole modalità di trasporto e delle soluzioni del trasporto intermodale come elemento di una sistema a rete su scala regionale, nazionale ed internazionale;
    • comprendere ed analizzare la dinamica dei flussi delle merci e di delineare le soluzioni logistiche efficienti utilizzando appropriate metodologie di management basate su analisi quantitative e con gli strumenti dell' Information and Communication Technology (ICT);
    • analizzare i processi logistici aziendali, proporre soluzioni efficienti basate sul business process re-engineering, valutare le prestazioni integrate di qualità del servizio, tempi e costi;
    • progettare e gestire sistemi tecnologici e reti di servizi per la movimentazione di merci e persone in sintonia con i crescenti requisiti della mobilità sostenibile e del supply chain management.

Ambiti professionali previsti per i laureati

In generale, l'ingegnere gestionale tratta gli aspetti progettuali ed implementativi dei sistemi informativi aziendali, nonché i risvolti organizzativi e gestionali del trattamento delle informazioni in aziende industriali e di servizi ed in enti pubblici. In particolare, l’Ingegnere Gestionale delle Reti di TLC può trovare impiego nell’ambito della progettazione assistita, della produzione, della gestione ed organizzazione dei sistemi informativi, dell'assistenza, delle strutture tecnico-commerciali, nel project management ed il controllo di gestione, nell'analisi dei settori industriali delle ICT, per la valutazione degli investimenti, per il marketing industriale.

I principali sbocchi occupazionali per tali laureati possono essere così individuati: imprese manifatturiere, di servizi e pubblica amministrazione.

L’Ingegnere Gestionale delle Reti di ER è di sicuro interesse nei confronti della aziende che gestiscono le principali reti di trasporto energetiche e di fluidi in pressione, soprattutto alla luce della liberalizzazione del mercato dell’energia e della creazione degli ambiti territoriali operativi, che renderà molto più complessa la gestione della rete in termini di trasporto e di transazioni economiche.

Inoltre, questa figura professionale è suscettibile d’inserimento nelle nascenti aziende che operano nel settore energetico, conseguenti alla citata liberalizzazione. Infine è evidente che tale Ingegnere gestionale è idoneo a gestire le reti di servizi minori delle singole industrie.

L’Ingegnere gestionale delle Reti LT può trovare i propri sbocchi occupazionali tanto presso aziende che operano dal lato della domanda quanto dal lato dell’offerta di servizi logistici e di trasporto. In particolare può operare nel settore manifatturiero, in quello delle aziende di servizi, nel campo delle professioni e della consulenza, oltre che nel settore pubblico. In particolare può operare come responsabile dei processi logistici di aziende di produzione e della distribuzione. Può operare presso aziende di logistica integrata con compiti di progettazione, analisi e controllo del servizio offerto. Può operare come consulente logistico di aziende operanti dal lato della domanda e/o dell’offerta o come broker. Nel settore pubblico può trovare sbocchi presso aziende che operano nella gestione dei servizi di trasporto e presso enti che sovrintendono alla pianificazione dei processi logistici, alla mobilità e allo sviluppo delle reti di trasporto.

torna su