(didattica -> corsi di laurea attivi -> Ingegneria delle Tecnologie della Comunicazione e dell'Informazione)

Descrizione generale

Il Corso di Laurea Magistrale di Ingegneria delle Tecnologie della Comunicazione e dell'Informazione si propone di preparare laureati di elevato livello, in grado di operare nei numerosi settori applicativi delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT), di promuovere e gestire l'innovazione tecnologica, e di adeguarsi ai rapidi mutamenti delle telecomunicazioni che è tipico di ogni settore tecnologico avanzato. Il corso procura le basi culturali, le capacità tecniche e le competenze approfondite relative alle tecnologie, agli apparati, ai sistemi e alle infrastrutture per l'acquisizione e l'elaborazione delle informazioni, il loro trasporto e l'utilizzazione in applicazioni e servizi. Gli allievi dovranno acquisire inoltre la maturità per progettare sistemi di telecomunicazione per comunicazioni digitali, reti e sistemi di comunicazione multimediali. Inoltre essi dovranno conoscere in modo approfondito e l'Information Economy e l'etica professionale.

L'industria italiana delle telecomunicazioni, se vorrà affrancarsi dalla connotazione di essere sostanzialmente una società di servizi, avrà bisogno di una figura di laureato munito di una profonda conoscenza della scienza delle telecomunicazioni unita alla duttilità nell'utilizzare gli strumenti che la scienza mette a disposizione.

Requisiti di ammissione

Le conoscenze richieste per l'accesso sono, oltre alle materie di base (in special modo, fisica, matematica, informatica) tipiche dell'ingegneria, quelle caratterizzanti l'Ingegneria delle Tecnologie della Comunicazione e dell'Informazione con particolare riferimento alle conoscenze di base della teoria ed elaborazione dei segnali, delle reti di telecomunicazioni, nonché dei fondamenti dell'elettromagnetismo. E' inoltre auspicabile che l'allievo abbia una conoscenza seppur generale nell'ambito dell'informatica, dei controlli, dell'elettronica e delle misure elettroniche, nonché una buona dimestichezza con l'uso dei calcolatori.

Sono previste procedure per la verifica dei requisiti richiesti per l'ammissione descritte in dettaglio nel Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria delle Tecnologie della Comunicazione e dell'Informazione.

E', inoltre, richiesta la capacità di utilizzare fluentemente in forma scritta ed orale la lingua inglese.

Obiettivi formativi

Obiettivo del corso è quello di preparare laureati di elevato livello, in grado di operare nei numerosi settori applicativi pertinenti all'Ingegneria delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT), ovvero di promuovere e gestire l'innovazione tecnologica e di adeguarsi ai rapidi mutamenti de settore. Si tratta infatti di un settore tecnologico avanzato il cui valore aggiunto è strettamente legato all'innovazione e quindi alle risorse umani. Il corso procura le basi culturali, le capacità tecniche e le competenze approfondite relative alle tecnologie, agli apparati, ai sistemi e alle infrastrutture per l'acquisizione e l'elaborazione delle informazioni, il loro trasporto e l'utilizzazione in applicazioni e servizi. Gli allievi dovranno acquisire inoltre la maturità per progettare sistemi complessi di telecomunicazione per comunicazioni digitali, reti e sistemi di comunicazione multimediali, nonchè sviluppare capacità fisico-matematiche per l'estrazione dell'infomazione da misure. Applicazioni a quest'ultimo aspetto si riscontrano sempre più nel tessuto industriale e aziendale in Europa per i settori del telerilevamento ambientale, per la biomedica e comunque in quel vasto settore noto anche come ICT e che rappresenta anche rispetto ai report ufficiali della Commissione Europea il più forte volano di sviluppo dell'Unione Europea. Inoltre essi dovranno conoscere in modo approfondito e l'Information Economy e l'etica professionale.

L'industria italiana, per migliorare il suo posizionamento europeo non potrà che rafforzare il suo ruolo mediante l'impegno di questo nuovo e qualificato capitale umano. Programmi come Horizon 2020 rappresentano segnali e concreti interventi in questo senso.

Il percorso formativo si articola in due anni per complessivi 120 CFU, con 10 esami obbligatori, 2 a scelta, un tirocinio e una prova finale. Durante il secondo anno lo studente svolge un tirocinio presso qualificate Aziende o Laboratorio Pubblico/Privato operante nel cosiddetto settore dell'ICT (Information, Communication and Technology), per circa 250 ore. I soggetti ammissibili a ospitare i tirocinanti sono approvati dal Dipartimento di Ingegneria e dagli organi competenti di Ateneo. L'esperienza del tirocinio prevede una relazione scritta e una discussione dettagliata delle finalità e degli obiettivi raggiunti durante il tirocinio. La commissione di valutazione verifica il raggiungimento degli obiettivi educativi generali e di dettaglio.

La prova finale consiste nella redazione individuale e nella discussione pubblica di una tesi scritta in cui sia stato sviluppato, sotto la guida di un docente relatore, un argomento caratterizzante il profilo culturale e professionale prescelto. Lo studente deve dimostrare di aver conseguito una buona padronanza degli argomenti, la capacità di operare in modo autonomo e un discreto livello di capacità di comunicazione. Considerata l'esperienza maturata dai docenti della Sede, la preparazione degli allievi sarà orientata in particolare nel settore delle reti di telecomunicazioni, sia wireless, sia in fibra ottica, della teoria dell'informazione, dell'elaborazione di segnali e immagini, dell'elettromagnetismo applicato, del telerilevamento e dei sistemi di radionavigazione. Verrà fornita al laureato una cultura matematica approfondita oltre che una possibilità di scelta tra corsi attivati dalla facoltà e inerenti a contenuti culturali essenziali alla formazione dell'ingegnere specialistico.

Alcune delle tematiche sviluppate nel corso di laurea sono:

  • - Telefonia mobile e fissa
  • - Reti e Sistemi di Telecomunicazioni
  • - Compatibilità elettromagnetica
  • - Radar e Telerilevamento
  • - Sistemi wireless
  • - Sicurezza informatica
  • - Fotonica

Il corso di Laurea Magistrale prevede, oltre al percorso in lingua italiana, anche un percorso formativo sviluppato in accordo con il Polytechnic Institute of the New York University, orientato prevalentemente alla progettazione e alla gestione di Sistemi complessi di Telecomunicazioni. Il percorso prevede l'erogazione dei corsi in lingua inglese. L'accesso sarà, pertanto, riservato a studenti in possesso di conoscenze linguistiche avanzate (Livello TOEFL®).

Prova finale

Il Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria delle Tecnologie della Comunicazione e dell'Informazione si conclude con un elaborato che dimostri la padronanza degli argomenti, la capacità di operare in modo autonomo e un buon livello di capacità di comunicazione.

La prova finale consiste in un elaborato scritto, a contenuto originale, sviluppato sotto il controllo e la responsabilità di un docente relatore la cui discussione avviene in sede collegiale.

Social network

E' stato attivato un gruppo linkedin per lo scambio delle informazioni sulle opportunità lavorative e per mettere in rete i laureandi con i laureati. Il gruppo è chiuso agli studenti e laureati della classe LM-27 Parthenope della relativa Laurea Triennale e la partecipazione e su base volontaria. Diversi professori contribuiscono attivamente.

IIBeT Università di Napoli Parthenope”   immagine planet connected

torna su