(didattica -> master in Ingegneria della Sicurezza)

Di seguito sono riportate alcune domande con le relative risposte che gli interessati potrebbero porsi:
  • 1. Perché è stato istituito il Master di I livello in “Ingegneria della Sicurezza - Prevenzione e Protezione dai Rischi”?
  • 2. A chi è indirizzato il Master di I livello in “Ingegneria della Sicurezza - Prevenzione e Protezione dai Rischi ?
  • 3. Perché iscriversi al Master di I livello in “Ingegneria della Sicurezza - Prevenzione e Protezione dai Rischi?
  • 4. Come è strutturato il Master di I livello in “Ingegneria della Sicurezza - Prevenzione e Protezione dai Rischi?


  • D: 1. Perché è stato istituito il Master Universitario in “Ingegneria della Sicurezza - Prevenzione e Protezione dai Rischi ”?

    L’attivazione di un Master vuole soddisfare le richieste provenienti da aziende di produzione, aziende di servizi, enti e associazioni per sviluppare un percorso professionale innovativo rivolto principalmente a laureati in indirizzi tecnico-scientifici anche se è prevista la partecipazione per laureati in altre discipline.

    Il titolo di Master di I livello ha un preciso riconoscimento legale in Italia. Il programma ha un carico di 60 CFU (Crediti Formativi Universitari), alla fine del quale agli studenti sarà assegnato un Diploma di Master Universitario in “Ingegneria della Sicurezza - Prevenzione e Protezione dai Rischi”

    Perché un Master in “Ingegneria della Sicurezza - Prevenzione e Protezione dai Rischi” soddisfa il forte fabbisogno di accrescimento formativo che proviene da aree professionali emergenti legate al concetto di sicurezza integrata. Il duplice obiettivo del Master è quello di formare gli studenti per una carriera nelle Aziende o negli Enti (Safety Manager) o per una carriera di ricercatori e formatori sulla tematica.

    Torna su



  • D: 2. A chi è indirizzato il Master Universitario in “Ingegneria della Sicurezza - Prevenzione e Protezione dai Rischi”?

    Il MIS è rivolto a laureati di primo livello che intendono acquisire una cultura completa riguardo la sicurezza, per essere in grado di gestire e coordinare, dal punto di vista organizzativo e normativo, il processo di sicurezza nell'ambito dell'organizzazione e quindi fronteggiare anche emergenze complesse.

    Il MIS costituisce un percorso teorico-pratico nelle diverse aree della sicurezza che prevede attività formative in aula, la realizzazione di un project work e la partecipazione ad uno stages e la redazione di una tesi di Master.

    Torna su



  • D: 3. Perché iscriversi al master Universitario in “Ingegneria della Sicurezza - Prevenzione e Protezione dai Rischi”?

    Il MIS fin dal suo nascere intende creare un forte collegamento tra il mondo accademico ed il mondo delle imprese. Ne è testimonianza il partenariato con l'INAIL ed il supporto di importanti istituzioni pubbliche e private.

    Il MIS costituisce una risposta concreta alla crescente domanda di professionalità tecniche e gestionali nel campo della sicurezza, proveniente dalla realtà industriale e dal mondo dei servizi.

    Il valore di questo titolo è riconosciuto anche all’estero.

    Il Master consentirà di ottenere una serie di attestati indispensabili per poter operare a vario titolo nel settore della sicurezza.

    1)Diploma di Master Universitario di II livello dell’ Università Parthenope in “Ingegneria della Sicurezza - Prevenzione e Protezione dai Rischi ”, per un totale di 60 crediti formativi universitari.
    2)Attestato di frequenza AIPP rilasciato a tutti i candidati
    3)Attestato di frequenza al Corso di Prevenzione e protezione incendi (abilitazione prevista dal D.M. 25/03/85 e Legge 818/84), rilasciato a coloro che sono in possesso dei requisiti previsti da legge. L’abilitazione è accordata previo superamento dell’esame finale del modulo, alla presenza di una Commissione esaminatrice nominata dalla Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco per la Campania, con autorizzazione del Ministero dell’Interno e parere favorevole accordato dagli ordini professionali. Tale esame non è obbligatorio per il conseguimento del master. Il corso sarà effettuato in accordo con l'Ordine degli Ingegneri di Napoli, secondo le modalità da loro previste.
    4)Attestato di frequenza al Corso di Tecnico gestione rimozione bonifica e smaltimento rifiuti contenenti amianto (abilitazione richiesta dalla Legge n. 257/92 – art. 10 lett h e DPR 8/08/94 art. 10). L’abilitazione è accordata previo superamento dell’esame al termine del corso in oggetto, alla presenza di una Commissione Specifica nominata dalla Provincia, in accordo con la Regione. Tale esame non è obbligatorio per il conseguimento del master.
    5)Abilitazione allo svolgimento della funzione di RSPP (Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione) e di ASPP (Addetto dei Servizi Prevenzione e Protezione), per tutti e otto i settori ATECO. L’abilitazione è accordata previo superamento di specifici esami finali.
    6)Attestato di frequenza al Corso di formazione per la sicurezza del lavoro nel settore edile ai sensi dell’Allegato V del D.Lgs. 494/96, rilasciato a coloro che sono in possesso dei requisiti previsti da legge.


    L’ottenimento degli attestati di cui ai punti 3) e 4) è subordinato alla stesura di un protocollo tra l’Università Parthenope e gli enti interessati.

    Al temine del corso verrà rilasciata, subordinatamente alla realizzazione di specifici accordi con delle software-house, una copia licenziata di un software sulla sicurezza, perfettamente funzionante e senza limitazioni, che potrà essere utilizzata anche per le future attività professionali.

    La qualità della formazione, che è fondamentale per un corso post-laurea, è qui realizzata con il supporto di avanzati strumenti e metodologie didattiche. Tutti i docenti sono professori universitari di ruolo o qualificati professionisti del settore con esperienze pluriennali.

    Il MIS è a numero chiuso e ciò permette di dedicare la massima attenzione alle esigenze e alla preparazione di tutti gli allievi sia nella fase di apprendimento in aula che in quella del project-work.

    Gli argomenti trattati nel corso del programma coprono un ampio aspetto di tematiche, inerenti il settore della Sicurezza dai Rischi dando la possibilità agli studenti di completare attraverso i moduli a progetto e la tesi il proficuo programma in funzione dei personali interessi.

    Il MIS fornisce agli allievi un percorso formativo valido per inserirsi nel mondo del lavoro o per migliorare l’attuale posizione lavorativa.

    Torna su



  • D: 4. Come è strutturato il Master di I livello in “Ingegneria della Sicurezza - Prevenzione e Protezione dai Rischi?

    Il programma del Master sarà costituito da quattro componenti ed undici moduli che consentiranno agli studenti di raggiungere le seguenti competenze:

    1) Acquisire il background necessario e gli skill per iniziare con successo la libera professione, la carriera in aziende o enti;
    2) Diventare esperti nei principi, nelle metodologie e nelle tecnologie dei sistemi di prevenzione e protezione dai rischi;
    3) Ottenere un elevato grado di capacità ed esperienza nel campo studiando casi e progettando soluzioni;
    4) Acquisire una esperienza diretta nel settore delle sicurezza mediante lo svolgimento di stages professionalizzanti.

    Torna su


  • Se avete altre domande potete contattare la segreteria del Master. Personale qualificato risponderà in dettaglio alle vostre domande.

    Francesco Colangelo
    Direttore del Master